Parigi, 30 Maggio

Ho fatto tutto quello che dovevo, oggi.
Ho visto il mio collega, ho incontrato molti vecchi amici, e salutato i nuovi. Mi mancheranno.
Ho visitato l’Orangerie, regalato le rimanenze della dispensa, controllato gli orari del bus per domattina.
Sono riuscito,  persino a chiudere la valigia, nonostante tutti i libri comprati (maledetti bouquinistes, come fai a lasciare sugli scaffali un libro che costa cinquanta centesimi?).

Ma soprattutto, ho comprato dieci biglietti del metro. Ne regalerò la maggior parte e terrò l’ultimo per me, in un cassetto. Quando salterà fuori, saprò che è il momento.

Perché i biglietti del metro di Parigi sono come le anguille con il mar dei Sargassi: prima o poi devono tornare dove sono nati.

Annunci

~ di gipo su 2010.

3 Risposte to “Parigi, 30 Maggio”

  1. Gipo, sei un gran romantico!
    Ci vediamo presto, spero!
    gaia

  2. Sono commosso 🙂
    ci vediamo in questi giorni, passo il ponte in toscana.
    Un bacione

  3. anche tu…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: