Halebid, 12 gennaio

Le linee corrono parallele, svoltano ad angolo retto, si frastagliano e girano ancora, a formare lo stesso motivo ripetuto ancora e ancora a grandezze diverse.
E su questa struttura lineare si snodano i fregi, fra la pancia rotonda di Ganesha e la danza di Shiva, in un infinito rincorrersi di spirali e riccioli che scivolano sotto gli occhi come onde di mare.
Il tempio di Halebid, immerso in una natura stupefacente, annulla ogni distanza tra linea retta e curva, tra ordine e caos.

E sembra suggerire che esista una via stretta che si snoda tra tradizione e progresso, in un paese che questo contrasto lo vive ogni momento.
Dove si rallenta per far passare una mucca ma non per un uomo, e l’autostrada che parte dalla capitale della tecnologia viene costruita a forza di braccia, rompendo le pietre a martellate e trasportandole con un secchio sopra la testa.
Dove appena fuori città si incontrano più carri trainati da buoi che auto e la vita scorre con lentezza impressionante. Dove le aquile volteggiano nel cielo inquinato di Bangalore e la natura contende metro su metro alla città.

Dove mi scopro talmente ricco da potermi permettere un’auto con autista per un’intera giornata, e talmente fragile da non potermi rinfrescare con un sorso d’acqua di fontana.

Ma una via tra progresso e tradizione deve esistere, per salvare questa bellezza che si fa largo con forza ad ogni angolo di strada, negli uomini che ondeggiano la testa per annuire, nei vestiti delle donne, nei colori sgargianti, nei banchi della frutta.

E sai che per ogni foto fatta sarebbe bastato prendere la macchina e scattare per farne altre cento ancora migliori.
Ma non l’hai fatto, perché questo equilibrio sembra così fragile che anche solo avvicinarci un obiettivo sarebbe fargli violenza.

Annunci

~ di gipo su 2012.

11 Risposte to “Halebid, 12 gennaio”

  1. Voilà, e anche tu ti sei innamorato dell’India, del suo essere sospesa tra ieri e domani, dei contrasti, della violenza della realtà e la poesia dei pensieri. L’hai avuta, caro Gipo.

  2. Qui è il tuo sgabello

    Qui è il tuo sgabello
    e qui riposa i tuoi piedi
    dove vivono i più poveri,
    i più umili, i perduti.

    Quando a te io cerco d’inchinarmi,
    la mia riverenza non riesce ad arrivare
    tanto in basso dove i tuoi piedi
    riposano tra i più poveri,
    i più umili, i perduti.

    L’orgoglio non si può accostare
    dove tu cammini, indossando
    le vesti dei più poveri,
    dei più umili e dei perduti.

    Il mio cuore non riesce a trovare
    la strada per scendere laggiù
    dove tu ti accompagni a coloro che non hanno
    compagni, tra i più poveri,
    i più umili, e i perduti.

    Rabindranath Tagore

  3. posso dire che hai scritto un pezzo meraviglioso, forse il migliore finora? è commovente! 🙂

  4. Bello bello, tutto bellissimo ma francamente credo che (ab)usare (del)la macchina fotografica non sia fare violenza a quel mondo ma anzi serva dargli luce e visibilità.

    —Alex

    • beh, ma una cinquantina di foto le ho fatte comunque…
      ai posti, più che alle persone, però.
      e a quei meravigliosi camion colorati!

  5. Bello davvero!
    “Dove mi scopro talmente ricco da potermi permettere un’auto con autista per un’intera giornata, e talmente fragile da non potermi rinfrescare con un sorso d’acqua di fontana.”
    Questa poi è meravigliosa!

  6. ci ha proprio preso gipone.
    è proprio così…
    ps: ogni volta che vorrai salutare ganesh sei il benvenuto! 😀

    • cara LdL, ganesh è qui accanto a me sulla scrivania.. potevo tornare senza?
      Sai che l’altro giorno mi sono messo a leggere tutti i tuoi post sull’india, vecchi e nuovi, e ho proprio ritrovato tutte le impressione che ho avute io (ma scritte meglio)?
      Grazie, mi hai fatto patire meno il trauma da rientro!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: